#abruzzo_in_grande Instagram Photos & Videos

abruzzo_in_grande - 12k posts

Top Posts

  • Potrebbe sembrare novembre, e invece no oggi 25 aprile ecco lo scenario che si presenta
  • Potrebbe sembrare novembre, e invece no oggi 25 aprile ecco lo scenario che si presenta
  • 164 10 2 hours ago

Latest Instagram Posts

  • La natura non è un posto da visitare.
È casa nostra.
  • La natura non è un posto da visitare.
    È casa nostra.
  • 33 1 39 minutes ago
  • 🌸⭐️🥳☘️
  • 🌸⭐️🥳☘️
  • 11 1 48 minutes ago
  • Potrebbe sembrare novembre, e invece no oggi 25 aprile ecco lo scenario che si presenta
  • Potrebbe sembrare novembre, e invece no oggi 25 aprile ecco lo scenario che si presenta
  • 164 10 2 hours ago
  • Corvara, Giovannino e il vino buono

Da dove comincio?
Allora... c'è un paesino di una manciata di case in pietra tra la fine del Gran Sasso e l'inizio della Majella, abitanti rimasti; 4 o 5. Si chiama Corvara e incredibilmente fa comune, primo segno che qui il tempo si è fermato a una 30ina di anni fa ma al contrario dei tanti altri borghi sperduti che ho visitato, dove lo spopolamento è stato lento, a Corvara è come se tutti gli abitanti fossero spariti all'improvviso.
Tutti tranne quei 4/5 che accennavo poc'anzi.
Emblematiche sono le insegne in legno, ancora ben conservate, del commissariato, del bar, del forno e della macelleria "Al Caprone".
Tra gli abitanti c'è il grande Giovannino; pellaccia dura tipica del montanaro abruzzese e cuore tenero. Io speravo di incontrarlo avendolo già "conosciuto" sul web, sì perché nella zona questo personaggio è quasi un mito, tanto da avergli dedicato una pagina social: "Salviamo Giovannino di Corvara _ PE". Detto fatto, lo incontro! E dopo i primi convenevoli mi porta subito nella sua cantina, mi spiega che lui raccoglie l'uva, si mette gli scarponi e la pista nella tipica vasca in pietra. Ne esce fuori il vino rosso più buono che io abbia mai bevuto, un vino che sa di Corvara e dell'Abruzzo più autentico, ma anche un bel vinello forte che "come cala saje", tant'è che al secondo bicchiere Giovannino si apre e mi racconta di come una signora che ha da poco ristrutturato una casa in paese per passarci le vacanze, lo abbia costretto a trasferire la 30ina di caprette che lui tiene all'interno di una vecchia abitazione nel centro del borgo adibita a stalla. Una vera tragedia per questo piccolo (solo di statura) ma grande uomo, che da tutta una vita si prende cura dei suoi animali e di Corvara e vorrebbe solo continuare a farlo. Storie di tradizioni antiche, di autenticità, di semplicità e di attaccamento alla propria terra che non dovrebbero perdersi per un capriccio.
Non mollare Giovannino, ci vediamo presto per un altro bicchiere!
  • Corvara, Giovannino e il vino buono

    Da dove comincio?
    Allora... c'è un paesino di una manciata di case in pietra tra la fine del Gran Sasso e l'inizio della Majella, abitanti rimasti; 4 o 5. Si chiama Corvara e incredibilmente fa comune, primo segno che qui il tempo si è fermato a una 30ina di anni fa ma al contrario dei tanti altri borghi sperduti che ho visitato, dove lo spopolamento è stato lento, a Corvara è come se tutti gli abitanti fossero spariti all'improvviso.
    Tutti tranne quei 4/5 che accennavo poc'anzi.
    Emblematiche sono le insegne in legno, ancora ben conservate, del commissariato, del bar, del forno e della macelleria "Al Caprone".
    Tra gli abitanti c'è il grande Giovannino; pellaccia dura tipica del montanaro abruzzese e cuore tenero. Io speravo di incontrarlo avendolo già "conosciuto" sul web, sì perché nella zona questo personaggio è quasi un mito, tanto da avergli dedicato una pagina social: "Salviamo Giovannino di Corvara _ PE". Detto fatto, lo incontro! E dopo i primi convenevoli mi porta subito nella sua cantina, mi spiega che lui raccoglie l'uva, si mette gli scarponi e la pista nella tipica vasca in pietra. Ne esce fuori il vino rosso più buono che io abbia mai bevuto, un vino che sa di Corvara e dell'Abruzzo più autentico, ma anche un bel vinello forte che "come cala saje", tant'è che al secondo bicchiere Giovannino si apre e mi racconta di come una signora che ha da poco ristrutturato una casa in paese per passarci le vacanze, lo abbia costretto a trasferire la 30ina di caprette che lui tiene all'interno di una vecchia abitazione nel centro del borgo adibita a stalla. Una vera tragedia per questo piccolo (solo di statura) ma grande uomo, che da tutta una vita si prende cura dei suoi animali e di Corvara e vorrebbe solo continuare a farlo. Storie di tradizioni antiche, di autenticità, di semplicità e di attaccamento alla propria terra che non dovrebbero perdersi per un capriccio.
    Non mollare Giovannino, ci vediamo presto per un altro bicchiere!
  • 25 1 8 hours ago
  • 81 1 24 April, 2019
  • Capestrano ed il suo imponente castello
  • Capestrano ed il suo imponente castello
  • 38 1 23 April, 2019
  • "𝐀𝐛𝐫𝐮𝐳𝐳𝐨 𝐟𝐨𝐫𝐭𝐞 𝐞 𝐠𝐞𝐧𝐭𝐢𝐥𝐞"
È sempre un piacere tornare a casa e riabbracciare le persone che ami. L'Abruzzese è ospitale, non c'è cosa più vera. Grazie a tutti! #Abruzzo #Italia  #italy 🇮🇹
  • "𝐀𝐛𝐫𝐮𝐳𝐳𝐨 𝐟𝐨𝐫𝐭𝐞 𝐞 𝐠𝐞𝐧𝐭𝐢𝐥𝐞"
    È sempre un piacere tornare a casa e riabbracciare le persone che ami. L'Abruzzese è ospitale, non c'è cosa più vera. Grazie a tutti! #Abruzzo #Italia #italy 🇮🇹
  • 219 4 23 April, 2019
  • • 🏰•
“Sembra lo scherzo di un equilibrista, il castello di roccascalegna , aggrappato ad una roccia aggettante sul paese!”
  • • 🏰•
    “Sembra lo scherzo di un equilibrista, il castello di roccascalegna , aggrappato ad una roccia aggettante sul paese!”
  • 87 2 23 April, 2019