#bloggerita Instagram Photos & Videos

bloggerita - 2.6k posts

Top Posts

  • Excited to be a verified amazon Influencer,you can buy products that I tried or you see on the pic directly from amazon in the link 🤩link in the bio
  • Excited to be a verified amazon Influencer,you can buy products that I tried or you see on the pic directly from amazon in the link 🤩link in the bio
  • 1,553 255 11 April, 2019
  • I don’t know where I am going, but I am on my way. 👑 .
.
.
Ph. 📸 @f_f_photographer
  • I don’t know where I am going, but I am on my way. 👑 .
    .
    .
    Ph. 📸 @f_f_photographer
  • 2,123 58 14 February, 2019

Latest Instagram Posts

  • Pillole di cultura giapponese 🇯🇵: Kazarigiri, l'arte dell'impiattamento 🍥
In Giappone l'arte si può ritrovare in molte abitudini e modi di fare, basti pensare, ad esempio, all'Ikebana (l'arte di creare composizioni floreali), la cerimonia del tè o anche nella preparazione di un pezzo di sushi.
Soprattutto in cucina vi è una vera e propria arte nel taglio dei vari ingredienti, poiché, oltre che il palato, bisogna soddisfare anche la vista.
Il Kazari-giri (飾り切り) è una tecnica giapponese di decorazione degli alimenti, pilastro del washoku giapponese (和食) termine utilizzato per indicare la cucina giapponese e l'arte della sua preparazione, riconosciuta nel 2013 come Patrimonio immateriale dell'Unesco.
Tramite l'arte del kazari-giri è possibile esprimere la stagionalità in un piatto, oltre che renderlo appetibile: una zucca, ad esempio, può essere trasformata in una foglia, delle carote assumere la forma di fiori di ciliegio e la radice di loto può esprimere l'inverno diventando un fiocco di neve.
Benchè possa apparire una tecnica complessa, il Kazari-giri viene quotidianamente applicato dai giapponesi nella preparazione dell'bentō, contenitori per il pranzo, in cui il cibo viene preparato e disposto allo scopo di renderlo "kawaii".
Continuate a seguirci, commentare e condividere. Consigliateci argomenti che vorreste approfondire e non dimenticate di seguire anche la nostra pagina Instagram: @japanistainside
Un saluto da S.
Pic by web-japan.org
#japanesefood #cucina #food #instafood #foodporn #japan #giappone #japanese #giapponese #picoftheday #picture #photo #instagood #instadaily #instalike #instapic #instagramitalia #instagramjapan #instaitalia #blog #blogger #blogita #bloggerita #photograph #pic #instajapan #cultura #culturagiapponese #culture #japaneseculture
  • Pillole di cultura giapponese 🇯🇵: Kazarigiri, l'arte dell'impiattamento 🍥
    In Giappone l'arte si può ritrovare in molte abitudini e modi di fare, basti pensare, ad esempio, all'Ikebana (l'arte di creare composizioni floreali), la cerimonia del tè o anche nella preparazione di un pezzo di sushi.
    Soprattutto in cucina vi è una vera e propria arte nel taglio dei vari ingredienti, poiché, oltre che il palato, bisogna soddisfare anche la vista.
    Il Kazari-giri (飾り切り) è una tecnica giapponese di decorazione degli alimenti, pilastro del washoku giapponese (和食) termine utilizzato per indicare la cucina giapponese e l'arte della sua preparazione, riconosciuta nel 2013 come Patrimonio immateriale dell'Unesco.
    Tramite l'arte del kazari-giri è possibile esprimere la stagionalità in un piatto, oltre che renderlo appetibile: una zucca, ad esempio, può essere trasformata in una foglia, delle carote assumere la forma di fiori di ciliegio e la radice di loto può esprimere l'inverno diventando un fiocco di neve.
    Benchè possa apparire una tecnica complessa, il Kazari-giri viene quotidianamente applicato dai giapponesi nella preparazione dell'bentō, contenitori per il pranzo, in cui il cibo viene preparato e disposto allo scopo di renderlo "kawaii".
    Continuate a seguirci, commentare e condividere. Consigliateci argomenti che vorreste approfondire e non dimenticate di seguire anche la nostra pagina Instagram: @japanistainside
    Un saluto da S.
    Pic by web-japan.org
    #japanesefood #cucina #food #instafood #foodporn #japan #giappone #japanese #giapponese #picoftheday #picture #photo #instagood #instadaily #instalike #instapic #instagramitalia #instagramjapan #instaitalia #blog #blogger #blogita #bloggerita #photograph #pic #instajapan #cultura #culturagiapponese #culture #japaneseculture
  • 36 3 19 April, 2019
  • La bilancia è sicuramente un metodo pratico e quasi sempre affidabile (se usata sempre nelle stesse condizioni) per misurare il peso del bambino, ma non deve diventare un'ossesione e soprattutto non è l'unica cosa da considerare per valutare l'incremento ponderale di un neonato allattato al seno. La prima cosa che potete fare è osservarlo e osservarvi durante una poppata: se lui è attaccato bene e ciuccia efficacemente, non produrrà schiocchi ma anzi lo sentirete deglutire e esercitare una suzione lenta e profonda, inoltre potrete vedere le sue guance piene e le tempie che si muovono, perché impegnato ad estrarre il latte dal seno. Voi non sentirete dolore, ma anzi potreste addirittura sentirvi più rilassate, avrete sete, potrete vedere del latte uscire dall'altro capezzolo e al termine della poppata il seno vi sembrerà più morbido e deteso. Il bambino si staccherà da solo una volta ultimato o si addormenterà, perché sazio e tranquillo. Questo però non accade sempre, soprattutto se sta avendo uno scatto di crescita, che lo porterà a necessitare molto spesso del seno e a non sembrare quasi mai sazio. Teniamo a mente anche qualche numero: un bambino allattato al seno che cresce bene, farà dalle 8 alle 12 poppate nell'arco di una giornata e bagnerà 5-6 pannolini di pipì nelle 24 ore. Per la cacca, una volta avviato l'allattamento al seno, possiamo aspettarci che la faccia anche ogni 3-4 giorni, a volte persino di più. Solo dopo aver considerato tutto questo, sarà utile pesarlo, ma una volta a settimana sarà sufficiente e sempre nelle stesse condizioni, magari durante l'incontro con un'Ostetrica che valuterà con voi la sua crescita e riporterà il peso in una curva di crescita personalizzata e individuale per ogni bambino.
•
•
•
•
#girl #family #baby #girls #new #adventure #blogger #woman #school #blog #women #mom #momlife #support #dad #mother #babies #daddy #pregnant #motherhood #pregnancy #project #breastfeeding #advice #midwife #breastmilk #bloggerita #breastfeed #midwifery#ostetrica
  • La bilancia è sicuramente un metodo pratico e quasi sempre affidabile (se usata sempre nelle stesse condizioni) per misurare il peso del bambino, ma non deve diventare un'ossesione e soprattutto non è l'unica cosa da considerare per valutare l'incremento ponderale di un neonato allattato al seno. La prima cosa che potete fare è osservarlo e osservarvi durante una poppata: se lui è attaccato bene e ciuccia efficacemente, non produrrà schiocchi ma anzi lo sentirete deglutire e esercitare una suzione lenta e profonda, inoltre potrete vedere le sue guance piene e le tempie che si muovono, perché impegnato ad estrarre il latte dal seno. Voi non sentirete dolore, ma anzi potreste addirittura sentirvi più rilassate, avrete sete, potrete vedere del latte uscire dall'altro capezzolo e al termine della poppata il seno vi sembrerà più morbido e deteso. Il bambino si staccherà da solo una volta ultimato o si addormenterà, perché sazio e tranquillo. Questo però non accade sempre, soprattutto se sta avendo uno scatto di crescita, che lo porterà a necessitare molto spesso del seno e a non sembrare quasi mai sazio. Teniamo a mente anche qualche numero: un bambino allattato al seno che cresce bene, farà dalle 8 alle 12 poppate nell'arco di una giornata e bagnerà 5-6 pannolini di pipì nelle 24 ore. Per la cacca, una volta avviato l'allattamento al seno, possiamo aspettarci che la faccia anche ogni 3-4 giorni, a volte persino di più. Solo dopo aver considerato tutto questo, sarà utile pesarlo, ma una volta a settimana sarà sufficiente e sempre nelle stesse condizioni, magari durante l'incontro con un'Ostetrica che valuterà con voi la sua crescita e riporterà il peso in una curva di crescita personalizzata e individuale per ogni bambino.




    #girl #family #baby #girls #new #adventure #blogger #woman #school #blog #women #mom #momlife #support #dad #mother #babies #daddy #pregnant #motherhood #pregnancy #project #breastfeeding #advice #midwife #breastmilk #bloggerita #breastfeed #midwifery #ostetrica
  • 34 0 19 April, 2019
  • Un post che risale a qualche settimana fa, ma che non avevo ancora condiviso qui! Parliamo di streghe, tra storia e folklore. 💀 Link in bio!
  • Un post che risale a qualche settimana fa, ma che non avevo ancora condiviso qui! Parliamo di streghe, tra storia e folklore. 💀 Link in bio!
  • 21 1 18 April, 2019
  • Curiosità dal Giappone 🇯🇵 : Fūrin 🎐
Insieme al canto della cicale, il tintinnio del Fūrin è un suono tipico dell'afosa estate giapponese.
Il Fūrin (風鈴) è un campanellino formato da una parte superiore di forma rotondeggiante dal quale scende un piccolo tubicino che con il soffio del vento, battendo contro il bordo interno, produce un leggero tintinnio.
Al tubicino è attaccato anche un piccolo pezzettino di carta, solitamente carta di riso, dove sono raffigurati paesaggi, oggetti o frasi tipici della tradizione giapponese.
Il termine fūrin è composto dalle parole "fū" (vento) e "rin" (campana).
I fūrin come detto prima sono largamente utilizzati in estate e vengono appesi ad ogni tipo di supporto come grondaie, infissi o rami di alberi.
Oltre a fungere da oggetto d'abbellimento, i fūrin vengono utilizzati per due motivi in particolare: il suono prodotto da queste campanelle renderebbe più sopportabile l'afosa estate giapponese e sarebbe inoltre in grado di tenere lontani gli spiriti maligni dai luoghi abitati.
Il fūrin è vivo nella tradizione nipponica da secoli.
Il monaco buddista Honen Shonin, vissuto tra il XII e XIII secolo, lo definì "tesoro nazionale" del Giappone.
Al giorno d'oggi sono rimasti in pochi a produrre artigianalmente i fūrin, in quanto la maggior parte sono prodotti in serie.
Esistono anche fūrin che svolgono una funzione nello studio meteorologico dei venti. 
Continuate a seguirci, commentare e condividere. Consigliateci argomenti che vorreste approfondire e non dimenticate di seguire anche la nostra pagina Instagram: @japanistainside
Un saluto da G.
-
-
-
-
-
Pic by oisa on Flickr
#Fūrin #vento #wind #fū #rin  #folklore #tradizione #curiosità #japan #giappone #japanese #giapponese #picoftheday #picture #photo #instagood #instadaily #instalike #instapic #instagramitalia #instagramjapan #instaitalia #blog #blogger #blogita #bloggerita #photograph #pic  #kawaii #cute
  • Curiosità dal Giappone 🇯🇵 : Fūrin 🎐
    Insieme al canto della cicale, il tintinnio del Fūrin è un suono tipico dell'afosa estate giapponese.
    Il Fūrin (風鈴) è un campanellino formato da una parte superiore di forma rotondeggiante dal quale scende un piccolo tubicino che con il soffio del vento, battendo contro il bordo interno, produce un leggero tintinnio.
    Al tubicino è attaccato anche un piccolo pezzettino di carta, solitamente carta di riso, dove sono raffigurati paesaggi, oggetti o frasi tipici della tradizione giapponese.
    Il termine fūrin è composto dalle parole "fū" (vento) e "rin" (campana).
    I fūrin come detto prima sono largamente utilizzati in estate e vengono appesi ad ogni tipo di supporto come grondaie, infissi o rami di alberi.
    Oltre a fungere da oggetto d'abbellimento, i fūrin vengono utilizzati per due motivi in particolare: il suono prodotto da queste campanelle renderebbe più sopportabile l'afosa estate giapponese e sarebbe inoltre in grado di tenere lontani gli spiriti maligni dai luoghi abitati.
    Il fūrin è vivo nella tradizione nipponica da secoli.
    Il monaco buddista Honen Shonin, vissuto tra il XII e XIII secolo, lo definì "tesoro nazionale" del Giappone.
    Al giorno d'oggi sono rimasti in pochi a produrre artigianalmente i fūrin, in quanto la maggior parte sono prodotti in serie.
    Esistono anche fūrin che svolgono una funzione nello studio meteorologico dei venti.
    Continuate a seguirci, commentare e condividere. Consigliateci argomenti che vorreste approfondire e non dimenticate di seguire anche la nostra pagina Instagram: @japanistainside
    Un saluto da G.
    -
    -
    -
    -
    -
    Pic by oisa on Flickr
    #Fūrin #vento #wind #fū #rin #folklore #tradizione #curiosità #japan #giappone #japanese #giapponese #picoftheday #picture #photo #instagood #instadaily #instalike #instapic #instagramitalia #instagramjapan #instaitalia #blog #blogger #blogita #bloggerita #photograph #pic #kawaii #cute
  • 27 0 18 April, 2019
  • Mostri Giapponesi 🇯🇵: Onryō👻
Gli onryō (怨霊) sono degli yūrei, solitamente di sesso femminile, che fanno ritorno nel mondo dei vivi per vendicarsi dei torti subiti quando erano in vita. Essi sono in grado di ferire e addirittura uccidere esseri viventi, ma possono anche provocare incidenti e calamità naturali pur di mettere in atto la propria vendetta. Nella cultura giapponese il mondo dei morti (Yomi) è separato da quello dei vivi da una sottospecie di Purgatorio, un limbo dove risiedono tutte quelle anime che ricolme di rabbia,odio e rancore, riescono a comunicare con il mondo dei vivi, manifestandosi materialmente, al fine di ottenere la propria rivalsa.
Questi spiriti presentano similitudini con un'altra tipologia di yūrei, i goryō (御 霊) che pero' non hanno carattere vendicativo, L'origine della figura dell'onryō non è ben nota; indicativamente può essere collocata intorno al VIII quando, a seguito della morte del principe Nagaya nel 729 secolo, iniziò a diffondersi la convinzione che le anime dei morti, infuriate, potessero influenzare o danneggiare i vivi mentre, in letteratura, il primo riferimento agli onryō si trova nella cronaca Shoku Nihongi (797) in cui si narra dello spirito vendicativo di Hirotsugu, ritenuto responsabile dell'uccisione del prete Genbō ,
Una delle onryō più famose è sicuramente Oiwa, presente nell'opera kabuki Yotsuya Kaidan, una donna sfigurata e avvelenata dal marito che si manifesta al coniuge post-mortem sotto forma di spirito dal volto bianco/indaco, parzialmente calvo e con l'occhio sinistro cadente, con indosso un kimono bianco.
La storia di Oiwa sembra avere un fondo di verità: ella sarebbe realmente vissuta intorno al XVII secolo e la sua tomba, datata 22 febbraio 1636, si trova attualmente nel tempio Myogyo-ji a Sugamo.
Un saluto da S. @japanistainside
#Oiwa #fantasmi #onryo #folk #folklore #yotsuyakaidan #mostri #yokai #spiriti #japan #giappone #japanese #giapponese #picoftheday #picture #photo #instagood #instadaily #instalike #instapic #instagramitalia #instagramjapan #instaitalia #blog #blogger #blogita #bloggerita #photograph #pic
  • Mostri Giapponesi 🇯🇵: Onryō👻
    Gli onryō (怨霊) sono degli yūrei, solitamente di sesso femminile, che fanno ritorno nel mondo dei vivi per vendicarsi dei torti subiti quando erano in vita. Essi sono in grado di ferire e addirittura uccidere esseri viventi, ma possono anche provocare incidenti e calamità naturali pur di mettere in atto la propria vendetta. Nella cultura giapponese il mondo dei morti (Yomi) è separato da quello dei vivi da una sottospecie di Purgatorio, un limbo dove risiedono tutte quelle anime che ricolme di rabbia,odio e rancore, riescono a comunicare con il mondo dei vivi, manifestandosi materialmente, al fine di ottenere la propria rivalsa.
    Questi spiriti presentano similitudini con un'altra tipologia di yūrei, i goryō (御 霊) che pero' non hanno carattere vendicativo, L'origine della figura dell'onryō non è ben nota; indicativamente può essere collocata intorno al VIII quando, a seguito della morte del principe Nagaya nel 729 secolo, iniziò a diffondersi la convinzione che le anime dei morti, infuriate, potessero influenzare o danneggiare i vivi mentre, in letteratura, il primo riferimento agli onryō si trova nella cronaca Shoku Nihongi (797) in cui si narra dello spirito vendicativo di Hirotsugu, ritenuto responsabile dell'uccisione del prete Genbō ,
    Una delle onryō più famose è sicuramente Oiwa, presente nell'opera kabuki Yotsuya Kaidan, una donna sfigurata e avvelenata dal marito che si manifesta al coniuge post-mortem sotto forma di spirito dal volto bianco/indaco, parzialmente calvo e con l'occhio sinistro cadente, con indosso un kimono bianco.
    La storia di Oiwa sembra avere un fondo di verità: ella sarebbe realmente vissuta intorno al XVII secolo e la sua tomba, datata 22 febbraio 1636, si trova attualmente nel tempio Myogyo-ji a Sugamo.
    Un saluto da S. @japanistainside
    #Oiwa #fantasmi #onryo #folk #folklore #yotsuyakaidan #mostri #yokai #spiriti #japan #giappone #japanese #giapponese #picoftheday #picture #photo #instagood #instadaily #instalike #instapic #instagramitalia #instagramjapan #instaitalia #blog #blogger #blogita #bloggerita #photograph #pic
  • 38 0 17 April, 2019
  • Curiosità dal Giappone 🇯🇵 : Teru teru bōzu 🌧 
Quante volte vi è capitato che mentre vi state preparando per uscire, inizi a diluviare?
La risposta a questo quesito arriva direttamente dal Giappone e si chiama Teru teru bōzu (てるてる坊主).
Il teru teru bōzu è una bambolina di carta o stoffa di colore bianco che viene appesa fuori alla finestra.
Il suo nome è formato dal verbo "teru" che significa "risplendere" e dalla parola bōzu che indica il monaco buddista.
La funzione di questa bambola è quella di allontanare la pioggia spaventando Amefushi (spirito della pioggia).
Amefushi in realtà non è malvagio, vorrebbe essere amico dei bambini, ma visto che ovunque va non fa che portare pioggia, viene considerato un nemico da quest'ultimi.
Il teru teru bōzu viene costruito ricoprendo un piccolo oggetto sferico, che costituisce la testa, con della carta o stoffa bianca per poi annodarlo. Vengono poi disegnati naso, bocca, occhi e infine viene appeso alla finestra o all'ombrello.
Se il sole tornerà a splendere si dovrà ringraziare la bambola abbellendola con una campanella dorata oppure bagnando la sua testa con del sakè.
Il teru teru bōzu è anche il protagonista di una warabe uta (filastrocca), che recita così: "Teru Teru Bozu, Teru Bozu, portami il sole domani
Se il cielo sarà sereno come lo sogno
ti regalerò un campanello dorato.

Teru Teru Bozu, Teru Bozu,
portami il sole domani
Se ascolterai le mie preghiere
ti donerò del sakè dolce

Teru Teru Bozu, Teru Bozu,
portami il sole domani
Se sarà nuvoloso ti staccherò la testa"

Continuate a seguirci, commentare e condividere. Consigliateci argomenti che vorreste approfondire e non dimenticate di seguire anche la nostra pagina Instagram: @japanistainside
Un saluto da G.
-
-
-
-
-
#teruterubozu #pioggia #rain #ame #amefushi #folklore #tradizione #curiosità  #japan #giappone #japanese #giapponese #picoftheday #picture #photo #instagood #instadaily #instalike #instapic #instagramitalia #instagramjapan #instaitalia #blog #blogger #blogita #bloggerita #photograph #pic
  • Curiosità dal Giappone 🇯🇵 : Teru teru bōzu 🌧
    Quante volte vi è capitato che mentre vi state preparando per uscire, inizi a diluviare?
    La risposta a questo quesito arriva direttamente dal Giappone e si chiama Teru teru bōzu (てるてる坊主).
    Il teru teru bōzu è una bambolina di carta o stoffa di colore bianco che viene appesa fuori alla finestra.
    Il suo nome è formato dal verbo "teru" che significa "risplendere" e dalla parola bōzu che indica il monaco buddista.
    La funzione di questa bambola è quella di allontanare la pioggia spaventando Amefushi (spirito della pioggia).
    Amefushi in realtà non è malvagio, vorrebbe essere amico dei bambini, ma visto che ovunque va non fa che portare pioggia, viene considerato un nemico da quest'ultimi.
    Il teru teru bōzu viene costruito ricoprendo un piccolo oggetto sferico, che costituisce la testa, con della carta o stoffa bianca per poi annodarlo. Vengono poi disegnati naso, bocca, occhi e infine viene appeso alla finestra o all'ombrello.
    Se il sole tornerà a splendere si dovrà ringraziare la bambola abbellendola con una campanella dorata oppure bagnando la sua testa con del sakè.
    Il teru teru bōzu è anche il protagonista di una warabe uta (filastrocca), che recita così: "Teru Teru Bozu, Teru Bozu, portami il sole domani
    Se il cielo sarà sereno come lo sogno
    ti regalerò un campanello dorato.

    Teru Teru Bozu, Teru Bozu,
    portami il sole domani
    Se ascolterai le mie preghiere
    ti donerò del sakè dolce

    Teru Teru Bozu, Teru Bozu,
    portami il sole domani
    Se sarà nuvoloso ti staccherò la testa"

    Continuate a seguirci, commentare e condividere. Consigliateci argomenti che vorreste approfondire e non dimenticate di seguire anche la nostra pagina Instagram: @japanistainside
    Un saluto da G.
    -
    -
    -
    -
    -
    #teruterubozu #pioggia #rain #ame #amefushi #folklore #tradizione #curiosità #japan #giappone #japanese #giapponese #picoftheday #picture #photo #instagood #instadaily #instalike #instapic #instagramitalia #instagramjapan #instaitalia #blog #blogger #blogita #bloggerita #photograph #pic
  • 37 2 16 April, 2019
  • Buon lunedì mamme! Vi ricordate l'articolo in cui abbiamo parlato di quando e come il vostro bimbo può ascoltare voci e musica già nella pancia? Bene, per un'esperienza davvero corretta e completa, anche ai fini di riuscire a percepire meglio i movimenti che il bimbo fa (soprattutto quando, dopo una giornata in cui siete state molto prese e non avete avuto tempo di mettervi in ascolto, pensate che non si sia mosso per niente), con l'articolo di oggi vogliamo illustrarvi quali sono i dispositivi migliori per applicare la stimolazione musicale. Troverete illustrati alcuni strumenti particolari, ma ricordate che ce n'è uno, di facilissima reperibilità, intimo e unico: la vostra voce! Questa infatti è il modo migliore per permettere al vostro bimbo di ascoltare la musica ma soprattutto di creare fin da subito un legame con voi ( e con il papà). Buona lettura!
•
•
•
•
•
#girl #family #baby #girls #new #adventure #blogger #woman #school #blog #women #mom #momlife #support #dad #mother #babies #daddy #pregnant #motherhood #pregnancy #project #breastfeeding #advice #midwife #breastmilk #bloggerita #breastfeed #midwifery#ostetrica
  • Buon lunedì mamme! Vi ricordate l'articolo in cui abbiamo parlato di quando e come il vostro bimbo può ascoltare voci e musica già nella pancia? Bene, per un'esperienza davvero corretta e completa, anche ai fini di riuscire a percepire meglio i movimenti che il bimbo fa (soprattutto quando, dopo una giornata in cui siete state molto prese e non avete avuto tempo di mettervi in ascolto, pensate che non si sia mosso per niente), con l'articolo di oggi vogliamo illustrarvi quali sono i dispositivi migliori per applicare la stimolazione musicale. Troverete illustrati alcuni strumenti particolari, ma ricordate che ce n'è uno, di facilissima reperibilità, intimo e unico: la vostra voce! Questa infatti è il modo migliore per permettere al vostro bimbo di ascoltare la musica ma soprattutto di creare fin da subito un legame con voi ( e con il papà). Buona lettura!





    #girl #family #baby #girls #new #adventure #blogger #woman #school #blog #women #mom #momlife #support #dad #mother #babies #daddy #pregnant #motherhood #pregnancy #project #breastfeeding #advice #midwife #breastmilk #bloggerita #breastfeed #midwifery #ostetrica
  • 29 1 15 April, 2019
  • Mangiare in Giappone🇯🇵: Kakigōri, la granita giapponese🍨 .
La Kakigōri (かき氷) è una granita tradizionale giapponese che consiste in una piccola montagna di ghiaccio tritato (tanto da conferirgli una caratteristica forma simile ad una nuvola) e ricoperto da vari topping.
Questo freschissimo dessert risale all'XI secolo, epoca in cui nacque il ghiaccio tritato, e inizialmente veniva consumato esclusivamente dalla nobiltà visto il prezzo poco accessibile ai ceti meno abbienti; fu solo nel XIX secolo che, con la diffusione del ghiaccio e dei relativi refrigeratori, divenne un dessert economico e di consumo comune.
La particolarità di questa granita sta nella consistenza del ghiaccio che non è semplicemente tritato bensì "rasato" da una speciale lama, fino ad ottenere una consistenza simile alla neve. Per ottenere questa sofficità, i venditori ambulanti utilizzano una macchina a manovella per far girare il ghiaccio su cui è posto un affilato rasoio, mentre i negozi specializzati in granite sono forniti di più recenti macchinari che funzionano elettricamente.
I gusti più popolari includono fragola, ciliegia, limone, tè verde, melone e il particolarissimo " Blue Hawaii ". Alcuni negozi offrono varietà colorate utilizzando due o più sciroppi, mentre altri lo servono con gelato e marmellata azuki.
Altra varietà è lo Shirokuma ( 白熊 o しろくま ), tipo di kakigōri con latte condensato, piccoli mochi colorati, frutta come mandarino,ciliegia, ananas e uvetta e pasta di fagioli dolci.
Pic by kanattie on Flickr
Pic by Jim G on Flickr.
#kakigori #granita #ice #japanesefood #cucina #food #instafood #foodporn #japan #giappone #japanese #giapponese #picoftheday #picture #photo #instagood #instadaily #instalike #instapic #instagramitalia #instagramjapan #instaitalia #blog #blogger #blogita #bloggerita #photograph #pic #instajapan
  • Mangiare in Giappone🇯🇵: Kakigōri, la granita giapponese🍨 .
    La Kakigōri (かき氷) è una granita tradizionale giapponese che consiste in una piccola montagna di ghiaccio tritato (tanto da conferirgli una caratteristica forma simile ad una nuvola) e ricoperto da vari topping.
    Questo freschissimo dessert risale all'XI secolo, epoca in cui nacque il ghiaccio tritato, e inizialmente veniva consumato esclusivamente dalla nobiltà visto il prezzo poco accessibile ai ceti meno abbienti; fu solo nel XIX secolo che, con la diffusione del ghiaccio e dei relativi refrigeratori, divenne un dessert economico e di consumo comune.
    La particolarità di questa granita sta nella consistenza del ghiaccio che non è semplicemente tritato bensì "rasato" da una speciale lama, fino ad ottenere una consistenza simile alla neve. Per ottenere questa sofficità, i venditori ambulanti utilizzano una macchina a manovella per far girare il ghiaccio su cui è posto un affilato rasoio, mentre i negozi specializzati in granite sono forniti di più recenti macchinari che funzionano elettricamente.
    I gusti più popolari includono fragola, ciliegia, limone, tè verde, melone e il particolarissimo " Blue Hawaii ". Alcuni negozi offrono varietà colorate utilizzando due o più sciroppi, mentre altri lo servono con gelato e marmellata azuki.
    Altra varietà è lo Shirokuma ( 白熊 o しろくま ), tipo di kakigōri con latte condensato, piccoli mochi colorati, frutta come mandarino,ciliegia, ananas e uvetta e pasta di fagioli dolci.
    Pic by kanattie on Flickr
    Pic by Jim G on Flickr.
    #kakigori #granita #ice #japanesefood #cucina #food #instafood #foodporn #japan #giappone #japanese #giapponese #picoftheday #picture #photo #instagood #instadaily #instalike #instapic #instagramitalia #instagramjapan #instaitalia #blog #blogger #blogita #bloggerita #photograph #pic #instajapan
  • 32 2 13 April, 2019
  • “Hai presente i ricordi? Ti vengono a cercare ovunque e senza avvisarti, come l’amore, se ogni tanto non gli dai retta ti invia dei segnali che se solo tu volessi potrebbero toglierti da dove sei e portarti dove vorresti essere. Il piano B è sempre alla ricerca dell’equilibrio, ballerino si dimena e ti sbarella, come guardare un film in cui sei protagonista. E ti dirò di più, se vuoi essere felice non basta avere semplicemente un piano B, che più o meno hanno tutti. C’è bisogno di seguirlo, di tirarlo fuori, di fare i conti con il cuore e i sogni, roba forte e rara...”✨
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
#likeforlikes #likeme #viso #picture #nofilter #iPhone #details #firstpost #bloggerita #blogger #followme #italianboy #2019 #red #me #vsco #fortnitememes #focus #instalike #instagram #edit
  • “Hai presente i ricordi? Ti vengono a cercare ovunque e senza avvisarti, come l’amore, se ogni tanto non gli dai retta ti invia dei segnali che se solo tu volessi potrebbero toglierti da dove sei e portarti dove vorresti essere. Il piano B è sempre alla ricerca dell’equilibrio, ballerino si dimena e ti sbarella, come guardare un film in cui sei protagonista. E ti dirò di più, se vuoi essere felice non basta avere semplicemente un piano B, che più o meno hanno tutti. C’è bisogno di seguirlo, di tirarlo fuori, di fare i conti con il cuore e i sogni, roba forte e rara...”✨












    #likeforlikes #likeme #viso #picture #nofilter #iPhone #details #firstpost #bloggerita #blogger #followme #italianboy #2019 #red #me #vsco #fortnitememes #focus #instalike #instagram #edit
  • 200 14 13 April, 2019
  • Mitologia giapponese 🇯🇵: Susanoo 🌪🌩 Susanoo (須佐之男) è la divinità shintoista degli uragani e delle tempeste.
La sua nascita è narrata nel Kojiki, fratello di Amaterasu (dea del sole), è stato generato dall'acqua fuoriuscita dal naso di Izanagi durante un rito di purificazione. 
Susanoo viene descritto come una divinità attaccabrighe e coraggiosa, che annoiato dall'incarico affidatogli si sfogò tormentando umani e Kami (divinità).
Anche sua sorella Amaterasu fu vittima di una delle sue "marachelle", Susanoo infatti scendendo sulla terra distrusse le risaie costruite dalla sorella per gli umani, scuoiò un cavallo e defecò sui campi.
Amaterasu oltraggiata da questi ignobili gesti si rinchiuse in una caverna facendo calare l'oscurità sul mondo.
Grazie all'intervento degli altri Kami la dea del sole fu condotta fuori dalla grotta e Susanoo venne esiliato sulla terra nella regione di Izumo.
Per redimersi Susanoo divenne difensore degli esseri umani. 
Tra le sue gesta è ricordata la lotta contro Yamata no Orochi, serpente ad otto teste, per salvare una giovane  ragazza della quale si era invaghito, destinata come tributo per il mostro.
Sconfiggendo il serpente, Susanoo ottenne la leggendaria spada Kusanagi-no-tsurugi e lo Scudo di Yata (八咫鏡 Yata no Kagami) capace di parare qualsiasi attacco.
Nella cultura giapponese moderna, il personaggio di Susanoo è stato d'ispirazione per molte opere di manga e anime come i Digimon, dove appare Susanoomon (leggendaria Digievoluzione), in Naruto dove Susanoo è il nome dell'armatura di chakra del clan Uchiha, ma anche nei videogiochi come Destiny dove Susanoo è un fucile così descritto: "Le impetuose tempeste di oggi diverranno le acque curative di domani.".
Continuate a seguirci, commentare e condividere. Consigliateci argomenti che vorreste approfondire e non dimenticate di seguire anche la nostra pagina Instagram: @japanistainside
Un saluto da G.
-
-
-
-
-
#folklore #folk #susanoo #tempesta #arashi #kami #divinità #japan #giappone #japanese #giapponese #picoftheday #picture #photo #instagood #instadaily #instalike #instapic #instagramitalia #instagramjapan #instaitalia #blog #blogger #blogita #bloggerita #photograph #pic #mito
  • Mitologia giapponese 🇯🇵: Susanoo 🌪🌩 Susanoo (須佐之男) è la divinità shintoista degli uragani e delle tempeste.
    La sua nascita è narrata nel Kojiki, fratello di Amaterasu (dea del sole), è stato generato dall'acqua fuoriuscita dal naso di Izanagi durante un rito di purificazione.
    Susanoo viene descritto come una divinità attaccabrighe e coraggiosa, che annoiato dall'incarico affidatogli si sfogò tormentando umani e Kami (divinità).
    Anche sua sorella Amaterasu fu vittima di una delle sue "marachelle", Susanoo infatti scendendo sulla terra distrusse le risaie costruite dalla sorella per gli umani, scuoiò un cavallo e defecò sui campi.
    Amaterasu oltraggiata da questi ignobili gesti si rinchiuse in una caverna facendo calare l'oscurità sul mondo.
    Grazie all'intervento degli altri Kami la dea del sole fu condotta fuori dalla grotta e Susanoo venne esiliato sulla terra nella regione di Izumo.
    Per redimersi Susanoo divenne difensore degli esseri umani.
    Tra le sue gesta è ricordata la lotta contro Yamata no Orochi, serpente ad otto teste, per salvare una giovane ragazza della quale si era invaghito, destinata come tributo per il mostro.
    Sconfiggendo il serpente, Susanoo ottenne la leggendaria spada Kusanagi-no-tsurugi e lo Scudo di Yata (八咫鏡 Yata no Kagami) capace di parare qualsiasi attacco.
    Nella cultura giapponese moderna, il personaggio di Susanoo è stato d'ispirazione per molte opere di manga e anime come i Digimon, dove appare Susanoomon (leggendaria Digievoluzione), in Naruto dove Susanoo è il nome dell'armatura di chakra del clan Uchiha, ma anche nei videogiochi come Destiny dove Susanoo è un fucile così descritto: "Le impetuose tempeste di oggi diverranno le acque curative di domani.".
    Continuate a seguirci, commentare e condividere. Consigliateci argomenti che vorreste approfondire e non dimenticate di seguire anche la nostra pagina Instagram: @japanistainside
    Un saluto da G.
    -
    -
    -
    -
    -
    #folklore #folk #susanoo #tempesta #arashi #kami #divinità #japan #giappone #japanese #giapponese #picoftheday #picture #photo #instagood #instadaily #instalike #instapic #instagramitalia #instagramjapan #instaitalia #blog #blogger #blogita #bloggerita #photograph #pic #mito
  • 38 2 12 April, 2019
  • Il sanguinamento post-menopausale (dopo 12 mesi o più dall'ultima mestruazione) è un campanello d'allarme che non va sottovalutato! Con esso intendiamo delle perdite di sangue in menopausa o delle perdite ematiche irregolari in corso di terapia ormonale sostitutiva. La prima causa a cui queste perdite possono essere ricondotte è il cancro dell'endometrio (la mucosa che ricopre la cavità interna dell'utero), ma possono presentarsi anche in caso di iperplasia endometriale (aumento dello spessore localizzato o diffuso dell'epitelio endometriale), che viene però definita già di per sé una condizione pre-neoplastica. Un'altra causa potrebbe essere il cancro alla cervice, anche se ricordiamo che la sua incidenza è maggiore prima della menopausa. Anche le malattie sessualmente trasmesse, come la clamidia e in rari casi la gonorrea, possono causare questo sanguinamento. Tra le cause "benigne" ricordiamo i polipi, atrofie endometriali, cervicali e vaginali (in questo ultimo caso noteremo il sanguinamento soprattutto dopo i rapporti, perché la mucosa vaginale atrofica e meno lubrificata potrebbe lesionarsi a causa dello sfregamento), sospensione della terapia ormonale sostitutiva (in assenza però di ispessimento endometriale). In QUALSIASI caso è buona cosa recarsi tempestivamente dal proprio ginecologo (anche se presenti poche gocce di sangue) o in pronto soccorso (se il sangue è rosso vivo e abbondante) per escludere cause maligne. Non trascurate il vostro apparato genitale dopo la menopausa e non privatelo di visite di controllo annuali, pap test e visite in urgenza se c'è qualcosa che non vi torna! •
•
•
#girl #family #baby #girls #new #adventure #blogger #woman #school #blog #women #mom #momlife #support #dad #mother #babies #daddy #pregnant #motherhood #pregnancy #project #breastfeeding #advice #midwife #breastmilk #bloggerita #breastfeed#midwifery#ostetrica
  • Il sanguinamento post-menopausale (dopo 12 mesi o più dall'ultima mestruazione) è un campanello d'allarme che non va sottovalutato! Con esso intendiamo delle perdite di sangue in menopausa o delle perdite ematiche irregolari in corso di terapia ormonale sostitutiva. La prima causa a cui queste perdite possono essere ricondotte è il cancro dell'endometrio (la mucosa che ricopre la cavità interna dell'utero), ma possono presentarsi anche in caso di iperplasia endometriale (aumento dello spessore localizzato o diffuso dell'epitelio endometriale), che viene però definita già di per sé una condizione pre-neoplastica. Un'altra causa potrebbe essere il cancro alla cervice, anche se ricordiamo che la sua incidenza è maggiore prima della menopausa. Anche le malattie sessualmente trasmesse, come la clamidia e in rari casi la gonorrea, possono causare questo sanguinamento. Tra le cause "benigne" ricordiamo i polipi, atrofie endometriali, cervicali e vaginali (in questo ultimo caso noteremo il sanguinamento soprattutto dopo i rapporti, perché la mucosa vaginale atrofica e meno lubrificata potrebbe lesionarsi a causa dello sfregamento), sospensione della terapia ormonale sostitutiva (in assenza però di ispessimento endometriale). In QUALSIASI caso è buona cosa recarsi tempestivamente dal proprio ginecologo (anche se presenti poche gocce di sangue) o in pronto soccorso (se il sangue è rosso vivo e abbondante) per escludere cause maligne. Non trascurate il vostro apparato genitale dopo la menopausa e non privatelo di visite di controllo annuali, pap test e visite in urgenza se c'è qualcosa che non vi torna! •


    #girl #family #baby #girls #new #adventure #blogger #woman #school #blog #women #mom #momlife #support #dad #mother #babies #daddy #pregnant #motherhood #pregnancy #project #breastfeeding #advice #midwife #breastmilk #bloggerita #breastfeed #midwifery #ostetrica
  • 30 0 12 April, 2019
  • Con questa bellissima immagine vogliamo concludere l'appuntamento della Didattica dedicato alle patologie del seno in allattamento. Insieme abbiamo visto come, proprio a differenza di questa immagine, l'allattamento al seno non è esente da difficoltà e complicanze. L'articolo di oggi riguarda la candida e altre problematiche un po' meno frequenti che un professionista deve comunque conoscere e considerare ai fini di un'adeguata diagnosi. Perché sì mamme, a tutto c'è una soluzione basta chiedere un aiuto tempestivo all'Ostetrica, soprattutto se avete rivisto le vostre difficoltà in alcune delle patologie che abbiamo trattato. Con questa piccola rubrica vogliamo quindi ricordare alle mamme che non sono sole e che chiedere il supporto di un professionista è una cosa normale, e vogliamo diffondere tra i professionisti uno strumento per essere sempre competenti e aggiornati nel rispondere ai bisogni delle donne! 
Sperando di esservi d'aiuto, Maia vi invita a leggere l'articolo di oggi, cliccando il link in bio!
•
•
•
•
#girl #family #baby #girls #new #adventure #blogger #woman #school #blog #women #mom #momlife #support #dad #mother #babies #daddy #pregnant #motherhood #pregnancy #project #breastfeeding #advice #midwife #breastmilk #bloggerita #breastfeed #midwifery#ostetrica
  • Con questa bellissima immagine vogliamo concludere l'appuntamento della Didattica dedicato alle patologie del seno in allattamento. Insieme abbiamo visto come, proprio a differenza di questa immagine, l'allattamento al seno non è esente da difficoltà e complicanze. L'articolo di oggi riguarda la candida e altre problematiche un po' meno frequenti che un professionista deve comunque conoscere e considerare ai fini di un'adeguata diagnosi. Perché sì mamme, a tutto c'è una soluzione basta chiedere un aiuto tempestivo all'Ostetrica, soprattutto se avete rivisto le vostre difficoltà in alcune delle patologie che abbiamo trattato. Con questa piccola rubrica vogliamo quindi ricordare alle mamme che non sono sole e che chiedere il supporto di un professionista è una cosa normale, e vogliamo diffondere tra i professionisti uno strumento per essere sempre competenti e aggiornati nel rispondere ai bisogni delle donne!
    Sperando di esservi d'aiuto, Maia vi invita a leggere l'articolo di oggi, cliccando il link in bio!




    #girl #family #baby #girls #new #adventure #blogger #woman #school #blog #women #mom #momlife #support #dad #mother #babies #daddy #pregnant #motherhood #pregnancy #project #breastfeeding #advice #midwife #breastmilk #bloggerita #breastfeed #midwifery #ostetrica
  • 35 2 11 April, 2019
  • Excited to be a verified amazon Influencer,you can buy products that I tried or you see on the pic directly from amazon in the link 🤩link in the bio
  • Excited to be a verified amazon Influencer,you can buy products that I tried or you see on the pic directly from amazon in the link 🤩link in the bio
  • 1,553 255 11 April, 2019
  • Pazzesco pensare quanto il tempo faccia la differenza, sono tornata da qualche giorno ma già rimpiango il sole caldo e splendido, tipico brasiliano. Giornata a dir poco nostalgica, e la pioggerella non aiuta. Quero voltar logo Brasil.♥️
  • Pazzesco pensare quanto il tempo faccia la differenza, sono tornata da qualche giorno ma già rimpiango il sole caldo e splendido, tipico brasiliano. Giornata a dir poco nostalgica, e la pioggerella non aiuta. Quero voltar logo Brasil.♥️
  • 2,287 5 9 April, 2019
  • I feel like a student.🙃
  • I feel like a student.🙃
  • 2,012 4 8 April, 2019
  • Stramberie giapponesi 🇯🇵: Kanamara Matsuri, la festa della "fertilità".
Non poteva non rientrare nella sezione "stramberie" la festa del Kanamara Matsuri (la festa del pene di ferro), che ogni anno si svolge a Kawasaki durante la prima domenica di aprile.
Questa stramba festività ha origini antiche: la leggenda vuole che durante il periodo Edo (1603-1867) un demone dagli enormi denti aguzzi finì per innamorarsi di una giovane e bellissima donna che, pero', non ricambiava questo amore. La donna finì col sposare un uomo di cui era innamorata,m a il demone, adirato, decise di vendicarsi nascondendosi all'interno della sua vagina. Così nascosto, durante la prima notte di nozze, evirò lo sposo con l'ausilio dei suoi denti aguzzi. Dopo qualche tempo, la donna decise di risposarsi, ma la stessa sorte del primo marito toccò al novello sposo. Fu allora che gli abitanti di Kawasaki decisero di escogitare un piano in modo da ingannare il demone e liberare da questa maledizione la donna. A tale scopo, un fabbro venne incaricato di forgiare un fallo di ferro che, azzannato dal demone, finì col spezzargli i denti.
Per celebrare la vittoria, gli abitanti costruirono il tempio shintoista Wakamiya, rinominato "Kanamara Jinja", in cui tutt'ora viene venerata la statua fallica di ferro.
Il festival vero e proprio venne istituito solo nel 1977, diventando via via sempre più popolare, sino a contare migliaia di partecipanti. Attualmente il  festival viene utilizzato come mezzo di sensibilizzazione sulle malattie sessualmente trasmesse oltre che per raccogliere fondi per la ricerca sull'AIDS.
Continuate a seguirci. @japanistainside
Un saluto da S.
Pic by Guilhem Vellut on Flickr
#kanamaramatsuri #matsuri #curiosità #stramberie #strange #japan #giappone #japanese #giapponese #picoftheday #picture #photo #instagood #instadaily #instalike #instapic #instagramitalia #instagramjapan #instaitalia #blog #blogger #blogita #bloggerita #photograph #pic
  • Stramberie giapponesi 🇯🇵: Kanamara Matsuri, la festa della "fertilità".
    Non poteva non rientrare nella sezione "stramberie" la festa del Kanamara Matsuri (la festa del pene di ferro), che ogni anno si svolge a Kawasaki durante la prima domenica di aprile.
    Questa stramba festività ha origini antiche: la leggenda vuole che durante il periodo Edo (1603-1867) un demone dagli enormi denti aguzzi finì per innamorarsi di una giovane e bellissima donna che, pero', non ricambiava questo amore. La donna finì col sposare un uomo di cui era innamorata,m a il demone, adirato, decise di vendicarsi nascondendosi all'interno della sua vagina. Così nascosto, durante la prima notte di nozze, evirò lo sposo con l'ausilio dei suoi denti aguzzi. Dopo qualche tempo, la donna decise di risposarsi, ma la stessa sorte del primo marito toccò al novello sposo. Fu allora che gli abitanti di Kawasaki decisero di escogitare un piano in modo da ingannare il demone e liberare da questa maledizione la donna. A tale scopo, un fabbro venne incaricato di forgiare un fallo di ferro che, azzannato dal demone, finì col spezzargli i denti.
    Per celebrare la vittoria, gli abitanti costruirono il tempio shintoista Wakamiya, rinominato "Kanamara Jinja", in cui tutt'ora viene venerata la statua fallica di ferro.
    Il festival vero e proprio venne istituito solo nel 1977, diventando via via sempre più popolare, sino a contare migliaia di partecipanti. Attualmente il festival viene utilizzato come mezzo di sensibilizzazione sulle malattie sessualmente trasmesse oltre che per raccogliere fondi per la ricerca sull'AIDS.
    Continuate a seguirci. @japanistainside
    Un saluto da S.
    Pic by Guilhem Vellut on Flickr
    #kanamaramatsuri #matsuri #curiosità #stramberie #strange #japan #giappone #japanese #giapponese #picoftheday #picture #photo #instagood #instadaily #instalike #instapic #instagramitalia #instagramjapan #instaitalia #blog #blogger #blogita #bloggerita #photograph #pic
  • 30 1 8 April, 2019
  • Buenas tardes pecaditos!

Resulta que alguien que me conoce muy bien se dedica a hacerme vídeos personalizados! Me llevo riendo desde ayer y poniéndolos una y otra vez!

Esta es su visión de mi mientras escribo mi blog sobre perfumes, en este caso sobre Sous le Manteau. Real como la vida misma 😋 "No me va blogger.. aromas.. notas de salida...uhmm sous le manteau... UHmmm". 🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣 #lamiradadepupa #memesespañol #bloggerita #perfumeríanicho #nopuedoparardereir #graciasportodo
  • Buenas tardes pecaditos!

    Resulta que alguien que me conoce muy bien se dedica a hacerme vídeos personalizados! Me llevo riendo desde ayer y poniéndolos una y otra vez!

    Esta es su visión de mi mientras escribo mi blog sobre perfumes, en este caso sobre Sous le Manteau. Real como la vida misma 😋 "No me va blogger.. aromas.. notas de salida...uhmm sous le manteau... UHmmm". 🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣 #lamiradadepupa #memesespañol #bloggerita #perfumeríanicho #nopuedoparardereir #graciasportodo
  • 13 0 8 April, 2019
  • Pillole di Mostri Giapponesi 🇯🇵: Karakasa 👹🌂 Nei precedenti articoli sui mostri abbiamo spesso parlato di creature dalle sembianze di animali o persone.
Oggi invece parleremo di un tipo di yokai definita tsukumogami, che si è diffusa grazie al Buddismo Shingon nel corso del X secolo.
Il termine si riferisce a qualsiasi oggetto, anche di uso quotidiano, che compiuti cento anni di età prende vita.
Al giorno d'oggi gli tsukumogami sono diventati molto popolari nella cultura giapponese, perdendo però i fondamenti buddhisti che li contraddistinguevano. 
Il karakasa o Kasa Obake(唐伞, vecchio ombrello) è uno di questi tsukumogami, che come dice il nome stesso è un vecchio ombrello che dopo un secolo si anima.
Questo yokai è rappresentato con un occhio solo, due braccia, una lingua molto lunga e poggiato su di un piede che calza uno geta lo zoccolo di legno giapponese.
Il karakasa sembra non sia particolarmente pericoloso, solitamente tende a spaventare gli esseri umani usando la sua gigantesca lingua.
Insomma è bene stare attenti ai vecchi cimeli di famiglia e trattarli con cura perché potrebbero prendere vita. 
Continuate a seguirci, commentare e condividere. Consigliateci argomenti che vorreste approfondire e non dimenticate di seguire anche la nostra pagina Instagram: @japanistainside
Un saluto da G.
-
-
-
-
-
Pic by Japanista Inside
#karakasa #ombrello #mostri #yokai #spiriti #japan #giappone #japanese #giapponese #picoftheday #picture #photo #instagood #instadaily #instalike #instapic #instagramitalia #instagramjapan #instaitalia #blog #blogger #blogita #bloggerita #photograph #pic
  • Pillole di Mostri Giapponesi 🇯🇵: Karakasa 👹🌂 Nei precedenti articoli sui mostri abbiamo spesso parlato di creature dalle sembianze di animali o persone.
    Oggi invece parleremo di un tipo di yokai definita tsukumogami, che si è diffusa grazie al Buddismo Shingon nel corso del X secolo.
    Il termine si riferisce a qualsiasi oggetto, anche di uso quotidiano, che compiuti cento anni di età prende vita.
    Al giorno d'oggi gli tsukumogami sono diventati molto popolari nella cultura giapponese, perdendo però i fondamenti buddhisti che li contraddistinguevano.
    Il karakasa o Kasa Obake(唐伞, vecchio ombrello) è uno di questi tsukumogami, che come dice il nome stesso è un vecchio ombrello che dopo un secolo si anima.
    Questo yokai è rappresentato con un occhio solo, due braccia, una lingua molto lunga e poggiato su di un piede che calza uno geta lo zoccolo di legno giapponese.
    Il karakasa sembra non sia particolarmente pericoloso, solitamente tende a spaventare gli esseri umani usando la sua gigantesca lingua.
    Insomma è bene stare attenti ai vecchi cimeli di famiglia e trattarli con cura perché potrebbero prendere vita.
    Continuate a seguirci, commentare e condividere. Consigliateci argomenti che vorreste approfondire e non dimenticate di seguire anche la nostra pagina Instagram: @japanistainside
    Un saluto da G.
    -
    -
    -
    -
    -
    Pic by Japanista Inside
    #karakasa #ombrello #mostri #yokai #spiriti #japan #giappone #japanese #giapponese #picoftheday #picture #photo #instagood #instadaily #instalike #instapic #instagramitalia #instagramjapan #instaitalia #blog #blogger #blogita #bloggerita #photograph #pic
  • 28 0 7 April, 2019