#danubio Instagram Photos & Videos

danubio - 157.7k posts

Top Posts

  • • Budapest stole my heart once 🖤•
  • • Budapest stole my heart once 🖤•
  • 456 12 11 March, 2019
  • Danubio salato 
Ricetta della mia amata #benedettarossi INGREDIENTI ●
1 uovo
15 g di lievito di birra
250 ml di latte tiepido
20 g di zucchero
10 g di sale
50 g di olio di oliva
550 g di farina (metà 00, metà manitoba)
1 tuorlo per spennellare
provola piccante, prosciutto cotto o speck per il ripieno
semi per papavero per guarnire (facoltativo)
In un’altra ciotola versiamo il latte tiepido e sbricioliamo il lievito di birra. Aggiungiamo lo zucchero, l’olio d’oliva e 1 uovo.  Iniziamo a mescolare e ad aggiungere un po’ di farina, aggiungiamo il sale poco dopo e amalgamiamo bene.
Continuiamo ad impastare aggiungendo farina, continuiamo a lavorare sul tavolo, in questa fase bisogna impastare energicamente almeno 4-5 minuti, l’impasto sarà liscio ed elastico.
Formiamo una palla e mettiamola in una ciotola pulita e infarinata,  facciamo un incisione a croce sull’impasto e copriamo con una pellicola e poi con un panno.
Lasciamo lievitare 2 ore, alla fine l’impasto avrà raddoppiato il suo volume. Trascorso il tempo ricominciamo a lavorare per ammorbidire la pasta, bastano pochi secondi.
Dividiamo l’impasto  in 4 parti uguali, formiamo dei filoncini e poi facciamo delle palline che devono avere la stessa dimensione. Aiutiamoci con una bilancia per verificare che abbiano tutte lo stesso peso, dovremo ottenere circa 20 palline.
Ungiamo e infariniamo una teglia di 30 cm.

COME FARCIRE IL DANUBIO SALATO
Prepariamo prosciutto cotto,  speck e provola tagliati a cubetti.
Con un mattarello lavoriamo le palline per formare dei dischi, ci mettiamo un po’ di ripieno a piacere e richiudiamo cercando di formare nuovamente la pallina. Quindi posizioniamo tutte le palline sulla teglia una vicino all’altra. Dovremmo averne una al centro e le altre posizionate in cerchio.
Copriamo la teglia con una pellicola e con un panno e lasciamo lievitare per 30 minuti.
Alla fine spennelliamo con del tuorlo d’uovo e spolveriamo con i semi di papavero.
Inforniamo a 180° per 35 – 40 minuti (io uso il forno statico). Il nostro Danubio Salato è pronto da sfornare! Bello dorato in superficie è proprio invitante!
.
.
.
.
.
#Bernalda #basilicata #mondaymood
  • Danubio salato
    Ricetta della mia amata #benedettarossi INGREDIENTI ●
    1 uovo
    15 g di lievito di birra
    250 ml di latte tiepido
    20 g di zucchero
    10 g di sale
    50 g di olio di oliva
    550 g di farina (metà 00, metà manitoba)
    1 tuorlo per spennellare
    provola piccante, prosciutto cotto o speck per il ripieno
    semi per papavero per guarnire (facoltativo)
    In un’altra ciotola versiamo il latte tiepido e sbricioliamo il lievito di birra. Aggiungiamo lo zucchero, l’olio d’oliva e 1 uovo. Iniziamo a mescolare e ad aggiungere un po’ di farina, aggiungiamo il sale poco dopo e amalgamiamo bene.
    Continuiamo ad impastare aggiungendo farina, continuiamo a lavorare sul tavolo, in questa fase bisogna impastare energicamente almeno 4-5 minuti, l’impasto sarà liscio ed elastico.
    Formiamo una palla e mettiamola in una ciotola pulita e infarinata, facciamo un incisione a croce sull’impasto e copriamo con una pellicola e poi con un panno.
    Lasciamo lievitare 2 ore, alla fine l’impasto avrà raddoppiato il suo volume. Trascorso il tempo ricominciamo a lavorare per ammorbidire la pasta, bastano pochi secondi.
    Dividiamo l’impasto in 4 parti uguali, formiamo dei filoncini e poi facciamo delle palline che devono avere la stessa dimensione. Aiutiamoci con una bilancia per verificare che abbiano tutte lo stesso peso, dovremo ottenere circa 20 palline.
    Ungiamo e infariniamo una teglia di 30 cm.

    COME FARCIRE IL DANUBIO SALATO
    Prepariamo prosciutto cotto, speck e provola tagliati a cubetti.
    Con un mattarello lavoriamo le palline per formare dei dischi, ci mettiamo un po’ di ripieno a piacere e richiudiamo cercando di formare nuovamente la pallina. Quindi posizioniamo tutte le palline sulla teglia una vicino all’altra. Dovremmo averne una al centro e le altre posizionate in cerchio.
    Copriamo la teglia con una pellicola e con un panno e lasciamo lievitare per 30 minuti.
    Alla fine spennelliamo con del tuorlo d’uovo e spolveriamo con i semi di papavero.
    Inforniamo a 180° per 35 – 40 minuti (io uso il forno statico). Il nostro Danubio Salato è pronto da sfornare! Bello dorato in superficie è proprio invitante!
    .
    .
    .
    .
    .
    #Bernalda #basilicata #mondaymood
  • 444 17 25 March, 2019

Latest Instagram Posts

  • • “Prova anche tu, una volta che ti senti solo o infelice o triste, a guardare fuori dalla soffitta quando il tempo è così bello. Non le case o i tetti, ma il cielo. Finché potrai guardare il cielo senza timori, sarai sicuro di essere puro dentro e tornerai ad essere felice.” Anna Frank🌸 #shoesonthedanubebank #budapest 🇭🇺
  • • “Prova anche tu, una volta che ti senti solo o infelice o triste, a guardare fuori dalla soffitta quando il tempo è così bello. Non le case o i tetti, ma il cielo. Finché potrai guardare il cielo senza timori, sarai sicuro di essere puro dentro e tornerai ad essere felice.” Anna Frank🌸 #shoesonthedanubebank #budapest 🇭🇺
  • 55 1 4 hours ago
  • #tbt #emviagem Atravessando o Rio #danubio pela ponte das correntes, entre Buda e Pest. Essa #budapest linda que eu #amei 😍

Ps: Eu mudei, mas a minha voz continua a mesma 🤷🏻‍♀️👧🙉🤦🏻‍♀️😂
  • #tbt #emviagem Atravessando o Rio #danubio pela ponte das correntes, entre Buda e Pest. Essa #budapest linda que eu #amei 😍

    Ps: Eu mudei, mas a minha voz continua a mesma 🤷🏻‍♀️👧🙉🤦🏻‍♀️😂
  • 23 3 4 hours ago
  • Budapest! 🇭🇺
  • Budapest! 🇭🇺
  • 54 4 7 hours ago
  • “¿Cómo se llora a seis millones de muertos? ¿Cuántas velas se encienden? ¿Cuántas plegarias se oran? ¿Sabemos cómo recordar a las víctimas, su soledad, su impotencia? Nos dejaron sin dejar rastro, y nosotros somos ese rastro. Contamos estas historias porque sabemos que no escuchar ni desear saber lleva a la indiferencia, y la indiferencia nunca es una respuesta.” Elie Wiesel.
.
.
"How do you cry to six million dead?  How many candles are lit?  How many prayers are prayed?  Do we know how to remember the victims, their loneliness, their impotence?  They left us without any trace, and we are that trace.  We tell these stories because we know that not listening or wanting to know leads to indifference, and indifference is never an answer. " Elie Wiesel.
.
.
.
.
#budapest #budapest🇭🇺 #hungria #hungary #magyarország #monumentodeloszapatos #shoesmonument #danubio #rio #europe #holocausto #judios #wwii #flower #nazi #holocaust #jewish #boots #sad #memory #sony #sonya6000
  • “¿Cómo se llora a seis millones de muertos? ¿Cuántas velas se encienden? ¿Cuántas plegarias se oran? ¿Sabemos cómo recordar a las víctimas, su soledad, su impotencia? Nos dejaron sin dejar rastro, y nosotros somos ese rastro. Contamos estas historias porque sabemos que no escuchar ni desear saber lleva a la indiferencia, y la indiferencia nunca es una respuesta.” Elie Wiesel.
    .
    .
    "How do you cry to six million dead? How many candles are lit? How many prayers are prayed? Do we know how to remember the victims, their loneliness, their impotence? They left us without any trace, and we are that trace. We tell these stories because we know that not listening or wanting to know leads to indifference, and indifference is never an answer. " Elie Wiesel.
    .
    .
    .
    .
    #budapest #budapest 🇭🇺 #hungria #hungary #magyarország #monumentodeloszapatos #shoesmonument #danubio #rio #europe #holocausto #judios #wwii #flower #nazi #holocaust #jewish #boots #sad #memory #sony #sonya6000
  • 49 0 10 hours ago
  • 🌤
  • 🌤
  • 62 1 13 hours ago
  • Sulle #rivedeldanubio, a #budapest, sono allineate sessanta paia di scarpe dall’aria vissuta, che ricordano la moda degli anni ’40. Ci sono scarpe da donna, da uomo e da bambino, abbandonate lì in modo disordinato, vicino all’acqua, come se i loro proprietari se le fossero appena tolte. Se si guarda più da vicino, si vede che le scarpe sono arrugginite, di ferro, e fissate nel calcestruzzo del molo. E’ il triste memoriale in onore degli ebrei ungheresi che, nell’inverno del 1944-45, furono uccisi sulle rive del Danubio dai miliziani del Partito delle Croci Frecciate.
Conosciuto come “Le Scarpe sulle rive Danubio”, il memoriale è stato concepito dal regista Can Togay, realizzato insieme allo scultore Gyula Pauer sulla riva di Pest, nel 2005.
  • Sulle  #rivedeldanubio , a  #budapest , sono allineate sessanta paia di scarpe dall’aria vissuta, che ricordano la moda degli anni ’40. Ci sono scarpe da donna, da uomo e da bambino, abbandonate lì in modo disordinato, vicino all’acqua, come se i loro proprietari se le fossero appena tolte. Se si guarda più da vicino, si vede che le scarpe sono arrugginite, di ferro, e fissate nel calcestruzzo del molo. E’ il triste memoriale in onore degli ebrei ungheresi che, nell’inverno del 1944-45, furono uccisi sulle rive del Danubio dai miliziani del Partito delle Croci Frecciate.
    Conosciuto come “Le Scarpe sulle rive Danubio”, il memoriale è stato concepito dal regista Can Togay, realizzato insieme allo scultore Gyula Pauer sulla riva di Pest, nel 2005.
  • 53 1 13 hours ago
  • Toda aventura comienza con un SI. 😋🍃#danubio
  • Toda aventura comienza con un SI. 😋🍃 #danubio
  • 16 0 21 hours ago