#rifugioreginamargherita Instagram Photos & Videos

rifugioreginamargherita - 186 posts

Top Posts

  • 🦅 un breve filmato dalla vetta del monte Bianco,  il primo agosto scorso .... il 31 luglio e primo agosto in due giorni secchi abbiamo conquistato la vetta del Monte Bianco. Siamo saliti lungo la  via italiana pernottando al rifugio Gonella per poi scendere per la via francese. Una via molto dura selvaggia e stupenda. Partenza dalla Val Veny a Courmayeur, risalendo il ghiacciaio del Miage, per  poi fare oltre 3000 metri di dislivello con uno sviluppo fra andare e tornare di quasi 30 km in due giorni e con circa 13 kg di zaino. Dal rifugio Gonella, sveglia a mezzanotte colazione e partenza all’una; dopo avere superato una paretina con ghiaccio molto duro dove ramponi e piccozza erano ai limiti, abbiamo fatto 1800 metri di dislivello passando per gli enormi crepacci del ghiacciaio del Dôme e le creste affilatissime del Bionassay, raggiungendo poi la vetta del Piton des italiens 4002 mt, del Dôme du Goûter 4304 mt. del Grande Bosse 4513 mt e infine il Petite Bosse 4547 mt. Durante la salita il meteo ha mantenuto le ottime promesse, regalandoci una giornata fredda il giusto e stupenda. Siamo arrivato in vetta, alle 7,35, ci saranno stati 8-9 gradi sotto zero, e vento, ma era sereno, con un panorama superbo, che ti apre il cuore e ti entra dentro. Alle 8 abbiamo iniziato la discesa, siamo rimasti 25 minuti, toccando il cielo con un dito. .... #montebianco #mntblanc #rifugiogonella #refugedegouter #capannamargherita #rifugioreginamargherita  #puntagiordani #monterosa #cornonero  #nuvole #cloud  #passionemontagna #monterosamonamour  #trekking #alpinism #exploring_alps #vive_montanas #valledaistaimmaginiedemozionil #rifugimonterosa @rifugimonterosa.it membro di @vive_montanas
  • 🦅 un breve filmato dalla vetta del monte Bianco, il primo agosto scorso .... il 31 luglio e primo agosto in due giorni secchi abbiamo conquistato la vetta del Monte Bianco. Siamo saliti lungo la via italiana pernottando al rifugio Gonella per poi scendere per la via francese. Una via molto dura selvaggia e stupenda. Partenza dalla Val Veny a Courmayeur, risalendo il ghiacciaio del Miage, per poi fare oltre 3000 metri di dislivello con uno sviluppo fra andare e tornare di quasi 30 km in due giorni e con circa 13 kg di zaino. Dal rifugio Gonella, sveglia a mezzanotte colazione e partenza all’una; dopo avere superato una paretina con ghiaccio molto duro dove ramponi e piccozza erano ai limiti, abbiamo fatto 1800 metri di dislivello passando per gli enormi crepacci del ghiacciaio del Dôme e le creste affilatissime del Bionassay, raggiungendo poi la vetta del Piton des italiens 4002 mt, del Dôme du Goûter 4304 mt. del Grande Bosse 4513 mt e infine il Petite Bosse 4547 mt. Durante la salita il meteo ha mantenuto le ottime promesse, regalandoci una giornata fredda il giusto e stupenda. Siamo arrivato in vetta, alle 7,35, ci saranno stati 8-9 gradi sotto zero, e vento, ma era sereno, con un panorama superbo, che ti apre il cuore e ti entra dentro. Alle 8 abbiamo iniziato la discesa, siamo rimasti 25 minuti, toccando il cielo con un dito. .... #montebianco #mntblanc #rifugiogonella #refugedegouter #capannamargherita #rifugioreginamargherita #puntagiordani #monterosa #cornonero #nuvole #cloud #passionemontagna #monterosamonamour #trekking #alpinism #exploring_alps #vive_montanas #valledaistaimmaginiedemozionil #rifugimonterosa @rifugimonterosa.it membro di @vive_montanas
  • 678 15 14 October, 2019

Latest Instagram Posts

  • 🦅 un breve filmato dalla vetta del monte Bianco,  il primo agosto scorso .... il 31 luglio e primo agosto in due giorni secchi abbiamo conquistato la vetta del Monte Bianco. Siamo saliti lungo la  via italiana pernottando al rifugio Gonella per poi scendere per la via francese. Una via molto dura selvaggia e stupenda. Partenza dalla Val Veny a Courmayeur, risalendo il ghiacciaio del Miage, per  poi fare oltre 3000 metri di dislivello con uno sviluppo fra andare e tornare di quasi 30 km in due giorni e con circa 13 kg di zaino. Dal rifugio Gonella, sveglia a mezzanotte colazione e partenza all’una; dopo avere superato una paretina con ghiaccio molto duro dove ramponi e piccozza erano ai limiti, abbiamo fatto 1800 metri di dislivello passando per gli enormi crepacci del ghiacciaio del Dôme e le creste affilatissime del Bionassay, raggiungendo poi la vetta del Piton des italiens 4002 mt, del Dôme du Goûter 4304 mt. del Grande Bosse 4513 mt e infine il Petite Bosse 4547 mt. Durante la salita il meteo ha mantenuto le ottime promesse, regalandoci una giornata fredda il giusto e stupenda. Siamo arrivato in vetta, alle 7,35, ci saranno stati 8-9 gradi sotto zero, e vento, ma era sereno, con un panorama superbo, che ti apre il cuore e ti entra dentro. Alle 8 abbiamo iniziato la discesa, siamo rimasti 25 minuti, toccando il cielo con un dito. .... #montebianco #mntblanc #rifugiogonella #refugedegouter #capannamargherita #rifugioreginamargherita  #puntagiordani #monterosa #cornonero  #nuvole #cloud  #passionemontagna #monterosamonamour  #trekking #alpinism #exploring_alps #vive_montanas #valledaistaimmaginiedemozionil #rifugimonterosa @rifugimonterosa.it membro di @vive_montanas
  • 🦅 un breve filmato dalla vetta del monte Bianco, il primo agosto scorso .... il 31 luglio e primo agosto in due giorni secchi abbiamo conquistato la vetta del Monte Bianco. Siamo saliti lungo la via italiana pernottando al rifugio Gonella per poi scendere per la via francese. Una via molto dura selvaggia e stupenda. Partenza dalla Val Veny a Courmayeur, risalendo il ghiacciaio del Miage, per poi fare oltre 3000 metri di dislivello con uno sviluppo fra andare e tornare di quasi 30 km in due giorni e con circa 13 kg di zaino. Dal rifugio Gonella, sveglia a mezzanotte colazione e partenza all’una; dopo avere superato una paretina con ghiaccio molto duro dove ramponi e piccozza erano ai limiti, abbiamo fatto 1800 metri di dislivello passando per gli enormi crepacci del ghiacciaio del Dôme e le creste affilatissime del Bionassay, raggiungendo poi la vetta del Piton des italiens 4002 mt, del Dôme du Goûter 4304 mt. del Grande Bosse 4513 mt e infine il Petite Bosse 4547 mt. Durante la salita il meteo ha mantenuto le ottime promesse, regalandoci una giornata fredda il giusto e stupenda. Siamo arrivato in vetta, alle 7,35, ci saranno stati 8-9 gradi sotto zero, e vento, ma era sereno, con un panorama superbo, che ti apre il cuore e ti entra dentro. Alle 8 abbiamo iniziato la discesa, siamo rimasti 25 minuti, toccando il cielo con un dito. .... #montebianco #mntblanc #rifugiogonella #refugedegouter #capannamargherita #rifugioreginamargherita #puntagiordani #monterosa #cornonero #nuvole #cloud #passionemontagna #monterosamonamour #trekking #alpinism #exploring_alps #vive_montanas #valledaistaimmaginiedemozionil #rifugimonterosa @rifugimonterosa.it membro di @vive_montanas
  • 678 15 14 October, 2019
  • 🦅 un breve filmato del 31 luglio e primo agosto quando in due giorni secchi abbiamo conquistato la vetta del Monte Bianco. Un desiderio accarezzato da sempre, con forte motivazione e determinazione. Già fatto nel 2017 la via francese ma in vetta un po’ di nuvole mi avevano negato il panorama. Succede. Questa volta siamo saliti lungo la  via italiana pernottando al rifugio Gonella per poi scendere per la via francese. Una via molto dura selvaggia e stupenda. Partenza dalla Val Veny a Courmayeur, risalendo il ghiacciaio del Miage, per  poi fare oltre 3000 metri di dislivello con uno sviluppo fra andare e tornare di quasi 30 km in due giorni e con circa 13 kg di zaino. Dal rifugio Gonella, sveglia a mezzanotte colazione e partenza all’una; dopo avere superato una paretina con ghiaccio molto duro dove ramponi e piccozza erano ai limiti, abbiamo fatto 1800 metri di dislivello passando per gli enormi crepacci del ghiacciaio del Dôme e le creste affilatissime del Bionassay, raggiungendo poi la vetta del Piton des italiens 4002 mt, del Dôme du Goûter 4304 mt. del Grande Bosse 4513 mt e infine il Petite Bosse 4547 mt. Durante la salita il meteo ha mantenuto le ottime promesse, regalandoci una giornata fredda il giusto e stupenda. Siamo arrivato in vetta, alle 7,35, ci saranno stati 8-9 gradi sotto zero, e vento, ma era sereno, era magia, era un panorama superbo, che ti apre il cuore. Alle 8 abbiamo iniziato la discesa, siamo rimasti 25 minuti, toccando il cielo con un dito. Ringrazio Andrea Basso, non solo bravissima guida alpina, ma persona di grande disponibilità e compagnia..... https://www.andreabasso.it/traversata-del-monte-bianco/. .... #montebianco #mntblanc #rifugiogonella #refugedegouter  #nuvole #cloud  #trekking #monterosa #nuvole #cloud #alba #monterosamonamour  #trekking #passionemontagna #alpinism #exploring_alps #rifugimonterosa - membro di @vive_montanas
  • 🦅 un breve filmato del 31 luglio e primo agosto quando in due giorni secchi abbiamo conquistato la vetta del Monte Bianco. Un desiderio accarezzato da sempre, con forte motivazione e determinazione. Già fatto nel 2017 la via francese ma in vetta un po’ di nuvole mi avevano negato il panorama. Succede. Questa volta siamo saliti lungo la via italiana pernottando al rifugio Gonella per poi scendere per la via francese. Una via molto dura selvaggia e stupenda. Partenza dalla Val Veny a Courmayeur, risalendo il ghiacciaio del Miage, per poi fare oltre 3000 metri di dislivello con uno sviluppo fra andare e tornare di quasi 30 km in due giorni e con circa 13 kg di zaino. Dal rifugio Gonella, sveglia a mezzanotte colazione e partenza all’una; dopo avere superato una paretina con ghiaccio molto duro dove ramponi e piccozza erano ai limiti, abbiamo fatto 1800 metri di dislivello passando per gli enormi crepacci del ghiacciaio del Dôme e le creste affilatissime del Bionassay, raggiungendo poi la vetta del Piton des italiens 4002 mt, del Dôme du Goûter 4304 mt. del Grande Bosse 4513 mt e infine il Petite Bosse 4547 mt. Durante la salita il meteo ha mantenuto le ottime promesse, regalandoci una giornata fredda il giusto e stupenda. Siamo arrivato in vetta, alle 7,35, ci saranno stati 8-9 gradi sotto zero, e vento, ma era sereno, era magia, era un panorama superbo, che ti apre il cuore. Alle 8 abbiamo iniziato la discesa, siamo rimasti 25 minuti, toccando il cielo con un dito. Ringrazio Andrea Basso, non solo bravissima guida alpina, ma persona di grande disponibilità e compagnia..... https://www.andreabasso.it/traversata-del-monte-bianco/. .... #montebianco #mntblanc #rifugiogonella #refugedegouter #nuvole #cloud #trekking #monterosa #nuvole #cloud #alba #monterosamonamour #trekking #passionemontagna #alpinism #exploring_alps #rifugimonterosa - membro di @vive_montanas
  • 372 27 22 September, 2019
  • 🦅 cosa suggerisce questa immagine scattata salendo il Lyskamm? Intanto lo spettacolo sublime del Monte Rosa, ... e poi?  Certamente tanti suggerimenti che fanno la differenza per divertirsi in sicurezza, evitando incidenti! Si sale all’alba, quando il freddo mantiene il ghiaccio più solido! Infatti, quando si passa vicino o sopra ad un crepaccio come quello in foto, partire al buio fa la differenza fra chi racconta di un bella avventura, e chi invece muovendosi in ore calde, ha incontrato un brutto destino. E poi, muoversi in cordata, in ordine, mantenendosi alla giusta distanza e con la corda in tiro, per avere un compagno che può riuscire a trattenerti in caso di apertura di crepacci o caduta. ..... Chi si muove da solo, o slegato o con la corda come portasse a spasso il cagnolino, mette a rischio la sua vita, quella di altri e quella dei soccorritori.... La montagna è un paradiso terrestre, ma pretende rispetto, studio, preparazione, competenza e certamente anche un po’ di fortuna perché il Fato a volte è beffardo ..... se la rispetti, in cambio ti offre ore di paradiso in terra .... Lyskamm 4527 slm ... #capannamargherita #liskamm #rifugioreginamargherita  #puntagiordani #monterosa #cornonero  #nuvole #cloud  #passionemontagna #puntazumstein #monterosamonamour  #trekking #alpinism #exploring_alps #vive_montanas #valledaistaimmaginiedemozionil #rifugimonterosa @rifugimonterosa.it membro di @vive_montanas
  • 🦅 cosa suggerisce questa immagine scattata salendo il Lyskamm? Intanto lo spettacolo sublime del Monte Rosa, ... e poi? Certamente tanti suggerimenti che fanno la differenza per divertirsi in sicurezza, evitando incidenti! Si sale all’alba, quando il freddo mantiene il ghiaccio più solido! Infatti, quando si passa vicino o sopra ad un crepaccio come quello in foto, partire al buio fa la differenza fra chi racconta di un bella avventura, e chi invece muovendosi in ore calde, ha incontrato un brutto destino. E poi, muoversi in cordata, in ordine, mantenendosi alla giusta distanza e con la corda in tiro, per avere un compagno che può riuscire a trattenerti in caso di apertura di crepacci o caduta. ..... Chi si muove da solo, o slegato o con la corda come portasse a spasso il cagnolino, mette a rischio la sua vita, quella di altri e quella dei soccorritori.... La montagna è un paradiso terrestre, ma pretende rispetto, studio, preparazione, competenza e certamente anche un po’ di fortuna perché il Fato a volte è beffardo ..... se la rispetti, in cambio ti offre ore di paradiso in terra .... Lyskamm 4527 slm ... #capannamargherita #liskamm #rifugioreginamargherita #puntagiordani #monterosa #cornonero #nuvole #cloud #passionemontagna #puntazumstein #monterosamonamour #trekking #alpinism #exploring_alps #vive_montanas #valledaistaimmaginiedemozionil #rifugimonterosa @rifugimonterosa.it membro di @vive_montanas
  • 531 14 15 September, 2019
  • 🦅 una foto del 30 agosto scorso, scattata dal cellulare dell’amico Pippo mentre salivamo il Lyskamm per raggiungere i 4527 mt della vetta, attraversare il crinale e dirigerci a punta Gnifetti per passare la notte al rifugio Regina Margherita a 4556 s.l.m.... una foto in “prestito”non mia, con la mia cara Canon, ma una composizione che mi piace molto. Io ho i segni della fatica, quella fatica che adori in questo paradiso.  Dietro di me a sinistra il crinale, la lama del Lyskamm che avremmo poi fatto qualche ora dopo lo scatto e poi il nostro secondo obiettivo, punta Gnifetti a 4.554, si percepisce piccino il rifugio ..... e poi Punta Parrot - 4.436 mt, Ludwigshöhe - 4.342, Corno Nero - 4.322 mt e Cristo delle Vette - 4167 mt .... da notare le loro ombre, quasi a formare un castello rovesciato .... Sfide adrenaliniche, possibili per ogni persona normale che si prepari, sfide che regalano sensazioni uniche, e dove l’ambizione di fotografare scivola sull’impossibilità di immortalare quell’emozione! .... E poi? ... poi si fa la vita di tutti i giorni, si lavora con passione si cerca di fare bene la vita quotidiana e si fissa un nuovo obiettivo, anche se in la nel tempo ... Su queste sfide un bel articolo tratto da “La stampa”: Alpinisti, ecco perché accettano il pericolo ... ”Ben oltre il semplice gesto atletico, l’alpinismo è una passione. L’amore per la montagna porta ad affrontare sacrifici, a gestire il rischio e la paura, a sottoporsi a duri allenamenti per vivere esperienze esaltanti ma che non si improvvisano”. ... #capannamargherita #liskamm #rifugioreginamargherita  #puntagiordani #monterosa #cornonero  #nuvole #cloud  #passionemontagna #puntazumstein #monterosamonamour  #trekking #alpinism #exploring_alps #vive_montanas #valledaistaimmaginiedemozionil #rifugimonterosa @rifugimonterosa.it membro di @vive_montanas
  • 🦅 una foto del 30 agosto scorso, scattata dal cellulare dell’amico Pippo mentre salivamo il Lyskamm per raggiungere i 4527 mt della vetta, attraversare il crinale e dirigerci a punta Gnifetti per passare la notte al rifugio Regina Margherita a 4556 s.l.m.... una foto in “prestito”non mia, con la mia cara Canon, ma una composizione che mi piace molto. Io ho i segni della fatica, quella fatica che adori in questo paradiso. Dietro di me a sinistra il crinale, la lama del Lyskamm che avremmo poi fatto qualche ora dopo lo scatto e poi il nostro secondo obiettivo, punta Gnifetti a 4.554, si percepisce piccino il rifugio ..... e poi Punta Parrot - 4.436 mt, Ludwigshöhe - 4.342, Corno Nero - 4.322 mt e Cristo delle Vette - 4167 mt .... da notare le loro ombre, quasi a formare un castello rovesciato .... Sfide adrenaliniche, possibili per ogni persona normale che si prepari, sfide che regalano sensazioni uniche, e dove l’ambizione di fotografare scivola sull’impossibilità di immortalare quell’emozione! .... E poi? ... poi si fa la vita di tutti i giorni, si lavora con passione si cerca di fare bene la vita quotidiana e si fissa un nuovo obiettivo, anche se in la nel tempo ... Su queste sfide un bel articolo tratto da “La stampa”: Alpinisti, ecco perché accettano il pericolo ... ”Ben oltre il semplice gesto atletico, l’alpinismo è una passione. L’amore per la montagna porta ad affrontare sacrifici, a gestire il rischio e la paura, a sottoporsi a duri allenamenti per vivere esperienze esaltanti ma che non si improvvisano”. ... #capannamargherita #liskamm #rifugioreginamargherita #puntagiordani #monterosa #cornonero #nuvole #cloud #passionemontagna #puntazumstein #monterosamonamour #trekking #alpinism #exploring_alps #vive_montanas #valledaistaimmaginiedemozionil #rifugimonterosa @rifugimonterosa.it membro di @vive_montanas
  • 425 10 8 September, 2019
  • 🦅 Una giornata fantastica, in un luogo stupendo, la vetta del Lyskamm orientale a 4527 s.l.m circondato da tutte le principali vette del Monte Rosa. Un mondo glaciale sopra i 4000 metri. Tantissima fatica, per qualche attimo di estasi, da conservare nel libro dei ricordi. Pochi giorni fa una persona commentando una foto scrive che per essere piacente bisogna essere e fare una vita normale. Ma cos’è normale e cosa non lo è? Ma soprattutto qualcuno, insegue le proprie vette, o le proprie imprese, più o meno grandi, con tanta preparazione, passione, sacrificio e rischi, per essere piacente? E qui forse c’è il mistero dei social, dove c’è “troppa roba” con chi vuole apparire, costruendo una immagine solo per piacere, o per interessi. Ecco questa non è una persona reale o quantomeno è in Instagram non come persona ma come marchio, questo non mi appassiona. Ma poi, senza considerare atleti o professionisti, ci sono tante persone normali, splendidamente normali, che fanno cose fantastiche. Persone da ammirare, perché vivono intensamente la vita, e le emozioni, le inseguono, ciascuno con i propri mezzi e possibilità, anche solo fotografando un bel fiore oppure una stupenda Alba nei pressi di casa.  E trasmettono queste emozioni e questa libertà con immagini fantastiche, descrizioni di luoghi e pensieri molto belli, ecco queste sono persone normali, che a volte fanno cose speciali, a volte originali, anticonformiste, talvolta cose un po’ pazze, persone che vivono la vita con passione e passioni e che appartengono al mondo dei reali. Chi dietro un fotogramma propone attimi di vita vissuta è una persona assolutamente normale, il fatto che sia piacente, è del tutto insignificante .... #riflessioni #capannamargherita #lyskamm #liskamm #rifugioreginamargherita  #puntagiordani #monterosa #cornonero  #monterosamonamour  #trekking #alpinism #exploring_alps #vive_montanas - #rifugimonterosa @rifugimonterosa.it @vive_montanas #sotricoso
  • 🦅 Una giornata fantastica, in un luogo stupendo, la vetta del Lyskamm orientale a 4527 s.l.m circondato da tutte le principali vette del Monte Rosa. Un mondo glaciale sopra i 4000 metri. Tantissima fatica, per qualche attimo di estasi, da conservare nel libro dei ricordi. Pochi giorni fa una persona commentando una foto scrive che per essere piacente bisogna essere e fare una vita normale. Ma cos’è normale e cosa non lo è? Ma soprattutto qualcuno, insegue le proprie vette, o le proprie imprese, più o meno grandi, con tanta preparazione, passione, sacrificio e rischi, per essere piacente? E qui forse c’è il mistero dei social, dove c’è “troppa roba” con chi vuole apparire, costruendo una immagine solo per piacere, o per interessi. Ecco questa non è una persona reale o quantomeno è in Instagram non come persona ma come marchio, questo non mi appassiona. Ma poi, senza considerare atleti o professionisti, ci sono tante persone normali, splendidamente normali, che fanno cose fantastiche. Persone da ammirare, perché vivono intensamente la vita, e le emozioni, le inseguono, ciascuno con i propri mezzi e possibilità, anche solo fotografando un bel fiore oppure una stupenda Alba nei pressi di casa. E trasmettono queste emozioni e questa libertà con immagini fantastiche, descrizioni di luoghi e pensieri molto belli, ecco queste sono persone normali, che a volte fanno cose speciali, a volte originali, anticonformiste, talvolta cose un po’ pazze, persone che vivono la vita con passione e passioni e che appartengono al mondo dei reali. Chi dietro un fotogramma propone attimi di vita vissuta è una persona assolutamente normale, il fatto che sia piacente, è del tutto insignificante .... #riflessioni #capannamargherita #lyskamm #liskamm #rifugioreginamargherita #puntagiordani #monterosa #cornonero #monterosamonamour #trekking #alpinism #exploring_alps #vive_montanas - #rifugimonterosa @rifugimonterosa.it @vive_montanas #sotricoso
  • 328 19 1 September, 2019
  • Heute vom Rifugio Mantova zur Margheritahütte... Eisiger Wind bis endlich die Sonne kam, aber dafür ein unglaublicher Ausblick 🤗
  • Heute vom Rifugio Mantova zur Margheritahütte... Eisiger Wind bis endlich die Sonne kam, aber dafür ein unglaublicher Ausblick 🤗
  • 23 6 10 July, 2019